Fondazione con i bambini bando per il contrasto della povertà educativa

Chi può partecipare?

Enti del terzo settore, in partenariato con scuole, istituzioni, imprese, università ed altri enti del terzo settore.

Cosa viene finanziato?

Le proposte dovranno prevedere, in scuole soluzioni innovative e flessibili volte a garantire ai minori reali possibilità di accesso e fruibilità di un’offerta educativa e culturale arricchita e qualificata, al fine di ridurre i gap nei livelli di apprendimento.

La scuola deve avere, per l’a.s. 2019-20, almeno un plesso con una percentuale di alunni con cittadinanza non italiana pari o superiore al:
▪ 20% per gli istituti scolastici situati in Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Umbria, Veneto;
▪ 15% per gli istituti scolastici situati in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Trentino-Alto Adige, Valle d’Aosta;

  1. presenti, per l’a.s. 2018-19, una media di assenze degli alunni (senza riferimento alla loro cittadinanza) pari o superiore ai 22 giorni23

Quanto viene finanziato?

è possibile richiedere un contributo compreso tra 250 mila e 800 mila euro a patto che venga garantita una quota di cofinanziamento monetario27 pari ad almeno il 10% del costo totale

Come partecipare?

Le domande vanno presentate entro il 29 aprile 2022 attraverso la piattaforma Chairos che si raggiunge attraverso il sito della fondazione. Per maggiori info clicca qui

Il nuovo resto al Sud

Chi può partecipare?

Possono partecipare in forma singola o associata persone con età inferiore ai 46 anni, con residenza nelle regioni del mezzogiorno (e nei comuni colpiti dal sisma) oppure che si impegnano a spostare la residenza all’ottenimento del contributo. Non bisogna avere una p.iva aperta prima del 2017.

Quanto è finanziabile?

Il finanziamento è pari a 60.000 Euro per le imprese in forma individuale, mentre per quelle in forma associata può arrivare massimo a 200.000 euro (50.0000 Euro ogni partecipante). Il contributo è al 50% a fondo perduto e il restante 50% da restituire in 8 anni.

Cosa si può fare?

Imprese nei settori della produzione di beni, artigianato, trasformazione di prodotti agricoli, pesca e acquacoltura. Fornitura di servizi alle imprese e alle persone. Inoltre è possibile, successivamente alle modifiche, essere finanziati anche i liberi professionisti

Cosa viene finanziato?

• Interventi di ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili –massimo 30% del programma di spesa
• macchinari, impianti e attrezzature nuovi
• programmi informatici e servizi per le tecnologie, l’informazione e la
telecomunicazione (TIC)
• altre spese utili all’avvio dell’attività (materie prime, materiali di consumo, utenze e canoni di locazione, canoni di leasing, garanzie assicurative) – massimo 20% del programma di spesa.

Non sono finanziabili spese di consulenza, progettazione e il personale.

Come si accede al finanziamento?

La procedura è interamente on line  http://www.invitalia.it per poter partecipare occorre avere una firma digitale e una casella di posta elettronica certificata, inoltre Invitalia farà un colloquio di valutazione ai soggetti promotori

La riduzione del servizio ferroviario

Vi ricordo che l’Eav ha ridotto il servizio ferroviario. Grosso modo non ci sono treni dalle 10 alle 15 e l’ultimo treno da Napoli per Sorrento partirà alle 19.11.

Al seguente link trovate i dettagli

https://www.eavsrl.it/web/sites/default/files/ORARI%20NAPOLI%20SORRENTO_dal%2016%20marzo%202020_0.pdf

Spesa e medicinali a casa nei comuni della penisola

Ho messo insieme i numeri resi disponibili dai Comuni della penisola per le persone che necessitano di consegne a domicilio di medicinali e beni di prima necessità. Un grazie ai tanti che rendono possibile questo servizio.

Sorrento 0818074433

Sant agnello 08118254291

Piano di Sorrento 3385971928

I risultati delle europee in penisola

Risultati delle europee in penisola, prenderò in considerazione solo i maggiori partiti. In serata magari li analizziamo insieme.

Vico Equense Forza Italia 25.38 Mov 5S 22.45 PD 18.65 Lega 18.31 Fratelli di italia 8.51

Meta Mov5S 32.97 PD 23.36 Lega 15.56 Forza italia 13.49 Fratelli d’italia 5.62

Piano di Sorrento Mov5S 31.16 PD 21.67 Lega 16.60 Forza Italia 15.19 Fratelli d’italia 6.24

Sant’Agnello Mov5S 28.90 PD 22.46 Lega 21.26 Forza Italia 12.44 Fratelli d’Italia 6.13

Sorrento Mov5S 23.95 Lega 22.76 PD 22.62 Forza Italia 14.37 Fratelli d’Italia 7.14

Massa Lubrense Mov5S 29.15 Forza Italia 20.13 Lega 19.94 PD 17.84 Fratelli d’Italia 4.39

Risultati primarie penisola sorrentina

Vico Equense Zingaretti 191 Martina 114 Giachetti 24 Filippelli 118 Leo annunziata 176 De Caro 21

Meta Zingaretti 111 Martina 260 Giachetti 11 Filippelli 42 Leo annunziata 320 De Caro 10

Piano di Sorrento
Zingaretti127 Martina 38 Giachetti 20
Filippelli 92 annunziata 63 de caro 23

Sant’Agnello Zingaretti 48 Martina 51 Giachetti 12 Filippelli 16 Leo Annunziata 85 De Caro 3

Sorrento Zingaretti 329 Martina 36 Giachetti 50 Filippelli 196 Leo Annunziata 123 De Caro 50

Massa Lubrense Zingaretti 85 Martina 3 Giachetti 16 Filippelli 88 Leo Annunziata 7 De Caro 4

Recruitment day – Sorrento

Il centro per l’impiego di Sorrento, nell’ambito dell’iniziativa europea: “Employers day”, ha organizzato il 18 dicembre una giornata in cui le aziende del territorio incontreranno potenziali candidati alla ricerca di lavoro.

Italian Employers 2018

Sulla loro pagina Facebook trovate maggiori dettagli, tra le diverse posizioni aperte ci sono : autisti, camerieri, governanti, lavapiatti, receptionist e portieri. Insomma vale la pena di dare uno sguardo e diffondere la notizia.

Per maggior info puoi cliccare qui

Bando per le imprese turistiche e culturali

Nelle scorse settimane  avevo in programma questo post, ma la scadenza i primi di ottobre mi ha distolto dal farlo. Ad oggi c’è stata una progroga al 15 ottobre, quindi se qualcuno si volesse cimentare, con un pò di fatica si può fare.

Chi può partecipare? Imprese micro, piccole e medie. Consorzi, società consortili e lavoratori autonomi.

Cosa viene finanziato? Nello specifico ci sono due ambiti di intervento: uno per le imprese culturali, in particolare rivolte alla creazione di nuovi spazi culturali, gestione di sale, ampliare l’offerta culturale/turistica in generale e legarla all’identità del territorio. Il secondo si rivolge anche alle imprese turistiche (ricettività, ristorazione, mobilità turistica) per la creazione di nuovi servizi tecnologici al turista, rafforzamento degli attrattori turistici o di attività tipiche locali che potrebbero diventare attrattori.

Quanto viene finanziato?  Nell’ambito uno le agevolazioni sono dell’80% per progetti al massimo fino a 200.000 Euro. Nell’ambito due, le agevolazioni sono fino al 60% e i progetti possono essere finanziati fino ad 80.000 Euro per imprese singole, 200.000 Euro se associati.

Come accedere al finanziamento? Bisogna compilare la domanda sul portale regionale http://sid2017.sviluppocampania.it , quindi avere firma digitale e pec. Il termine per presentare le domande è il 15 ottobre, quindi affrettatevi!

Per ulteriori info è possibile trovarle sul sito istituzionale della Regione Campania, sul Burc, oppure puoi inviare una mail a danielloantonio@gmail.com

Lo sapevi che?

Terzo appuntamento con la rubrica dal sapore meno pesante delle cose che scrivo di solito, che sta avendo un notevole successo in termini di lettori, che ringrazio. Come ricordo tutte le volte, ci saranno tre pillole sulla nostra città, di cui una sempre positiva.

 

  1. Lo sapevi che la città di Piano di Sorrento ha un Piano traffico, che serve a migliorare la qualità della circolazione, pagato profumatamente e mai attuato? Visti i disastri della circolazione in penisola forse sarebbe il caso di rispolverarlo
  2. Lo sapevi che a Piano di Sorrento vengono giocate nelle slot machine 11.91 milioni di Euro? Praticamente con quei soldi si potrebbero finanziare buona parte delle opere pubbliche necessarie alla città.
  3. Lo sapevi che domani Piano di Sorrento festeggia l’assegnazione della bandiera blu. E’ annunciata la presenza del governatore regionale Vincenzo De Luca, speriamo che oltre la passerella di discuta anche dei problemi della città. Si avete ragione, non è un granché come buona notizia.
  4. C’è colli in festa dal 25 al 27 giugno, la tradizionale festa di sapori, saperi agricoli ai Colli di San Pietro. Meglio come buona notizia?

 

Tra quindici giorni il nuovo appuntamento.

Sorrento Dream

Se dovesse capitarvi di andare all’estero, o almeno al nord Italia, quando alla fatidica domanda: “di dove siete?” risponderete “Sorrento”, vi accoglieranno una serie di aggettivi, sospiri, sorrisi che danno la misura di quanto fiabesca e talvolta stereotipata sia la visione di Sorrento per i nostri ospiti. Inoltre abbiamo la fortuna di avere un brand consolidato e diffusissimo.

In tutta risposta, a questa bella eredità e fortuna, quotidianamente facciamo di tutto per distruggerla. Invece che essere accolto in una terra fiabesca, in cui il mare e la collina si incontrano e dove si sprigiona ovunque il profumo di fiori d’aranci e salsedine nella migliore delle ipotesi all’ignaro turista lo aspetta un viaggio della speranza in circumvesuviana o un’odissea nel traffico.

La miopia delle leggi regionali e l’avidità di molti hanno ridotto il paese ad una gruviera di box auto e ad uno smisurato patrimonio edilizio abusivo, che spesso nulla ha a che vedere con la necessità.

La pochezza delle amministrazioni locali fa sì che non ci sia un coordinamento tra i comandi vigili e gli uffici tecnici, ognuno chiude le strade e fa lavori ‘alla buona’. Per non parlare dei cartelloni e delle manifestazioni, non si tenta minimamente di creare uno spazio unico per una rassegna di qualità itinerante per i Comuni. Senza nulla togliere alle autonomie territoriali, per i nostri ospiti non esistono Piano,Meta e S.Agnello, nella loro testa il comune unico è già realtà. In particolare a Sorrento, si registra anno dopo anno una diminuzione della qualità del turismo e un’invasione dei turisti mordi e fuggi che rischiano di portare solo un progressivo abbassamento della qualità della vita dei cittadini.

 

Perché tutta questa lamentazione?

Il nostro ‘brand’ si basa sull’immaginario, sulla costruzione di un sogno fatto di bellezza fuori dal comune, che la nostra terra ha ancora la fortuna di offrire. Badate bene, è pura fortuna. Ora è il momento di metterci l’impegno e del nostro, altrimenti questo fragile sogno rischia di rompersi nelle nostre mani e far precipitare la penisola sorrentina in un abisso.

 

Come farlo?

Avviando un coordinamento tra i comuni, facendo rispettare molte delle ordinanze che mettono ordine nel traffico e nella gestione quotidiana della città,capendo che i giardini, gli spazi verdi sopravvissuti sono parte della nostra ricchezza, non gli ultimi spazi da saccheggiare, rispettando il lavoro, cosa che non sempre gli imprenditori nostrani fanno. Difficile? Non lo so, ma non ci sono altre strade da percorrere.