L’esempio del centro storico

In Via Santa Margherita sono state installate due telecamere per prevenire la sosta selvaggia e lo sversamento di rifiuti irregolari. Inoltre il fondo che era infestato da sporcizia ed animali è stato ripulito, nonostante le difficoltà iniziali.

Tanto per onor di cronaca, la prima richiesta di “sistemazione” del centro storico fu fatta all’amministrazione nell’agosto 2017, in seguito abbiamo organizzato almeno due assemblee nel rione, coinvolgendo sia l’amministrazione del Comune che Penisola Verde.

Successivamente, a partire del mese di dicembre 2017 abbiamo inviato diversi solleciti chiedendo conto dei provvedimenti presi.

Perché è importante questa storia? Non tanto per rivendicare la paternità di un’azione che in ogni altro paese sarebbe la normalità: in fin dei conti stiamo parlando di voler vivere in un posto pulito. Piuttosto mi interessa rilanciare il principio che quando i cittadini si mettono insieme, rivendicano dei diritti fondamentali, come nel caso specifico vivere in una zona pulita: li ottengono. Allora forte di quest’esempio ci sono ben altre zone del paese che devono ‘risvegliarsi’. Da Santa Margherita è partito l’esempio. Se volete siamo a vostra disposizione.

La Siae ha abusato della sua posizione

E’ di oggi il comunicato stampa dell’Antitrust che contesta a SIAE:

  • l’imposizione di vincoli nell’offerta di servizi diversi tali da ricomprendere nel mandato relativo allo svolgimento dei servizi rientranti nella riserva legale esclusiva vigente fino al 15 ottobre 2017 anche servizi suscettibili di essere erogati in concorrenza, ostacolando la libertà dei titolari del diritto d’autore di gestire i propri diritti al momento dell’attribuzione, della limitazione o della revoca del mandato
  • l’imposizione di vincoli volti ad assicurare alla SIAE la gestione dei diritti d’autore dei titolari non iscritti alla SIAE, anche persino là dove questi ultimi avevano espressamente manifestato la volontà di non avvalersi dei servizi da essa erogati
  • l’imposizione di ostacoli nella stipulazione da parte degli utilizzatori – in particolare, emittenti TV nazionali e organizzatori di concerti live – di altri contratti di licenza d’uso delle opere con i concorrenti della SIAE
  • l’esclusione dei concorrenti dai mercati relativi alla gestione dei diritti d’autore di repertori esteri.

L’Autorità ha intimato a SIAE di porre immediatamente fine a questi comportamenti illeciti. (fonte)

Inoltre vi informo che esistono altre società che erogano gli stessi servizi di SIAE, tipo Soundreef.

Aria nuova organizza un convegno sui valloni

Il tentativo di rimettere al centro un bene naturale, un tempo utilizzato come luogo di lavoro e di transito dagli abitanti della penisola è qualcosa di utile e interessante. Spero ci sarete.

L’evento è organizzato dall’associazione Aria Nuova Piano di Sorrento, nata a marzo con l’intento esplicito di affrontare, risolvere e trasformare problematiche e necessità locali con il contributo di liberi cittadini ed il coinvolgimento di esperti.

Interverranno:
– Michele Guglielmo, presidente associazione Aria Nuova Piano di Sorrento
– Annunziata Berrino, prof. Storia contemporanea
– Antonino Testa, ricercatore di patologia vegetale
– Piergiulio Cappelletti, prof. Georisorse minerarie e applicazioni mineralogico-petrografiche per l’ambiente e i beni culturali 
– Carlo Franco, giornalista
– Milena Parlato, architetto, specializzata in restauro dei beni architettonici e del paesaggio
Modera e conclude l’oceanografo e professore emerito dell’Università Parthenope, Giancarlo Spezie.

Come volevasi dimostrare

Come avete visto sto cercando di non sconfinare nella politica nazionale. Da un lato perché è un atteggiamento un po’ da rosiconi, dall’altro per avere il giusto tempo per giudicare,in un dibattito sereno, quello che si sta facendo o meno.

La considerazione che ci tengo a mettere nero su bianco è che lo scontro permanente tra il governo italiano e l’unione europea continuerà fino a maggio, quando voteremo il rinnovo dei vertici di Bruxelles.

La commissione europea, con quel pizzico di spocchia, è il capro espiatorio perfetto per dire agli elettori pentastellati e leghisti che non avranno il reddito di cittadinanza, se non in minima parte, la riforma delle pensioni sarà una mini riforma e lo stesso varrà per le decine di promesse fatte in campagna elettorale. Sarà colpa dei “poteri forti di Bruxelles”.

Ovviamente ci dimenticheremo tutti che durante la campagna elettorale ci hanno raccontato che i soldi c’erano e che tutto quello che accade è sempre colpa di qualcun altro. Per quanto tempo continueremo a crederci?

Canis sapiens: storia a lieto fine

Una buona notizia per Piano di Sorrento, che non perde i servizi offerti dall’associazione canis sapiens. Ce ne siamo occupati nei giorni del mancato rinnovo dell’associazione ospitata nella struttura comunale di Pozzopiano.

L’associazione ha trovato uno spazio privato dove continuare le proprie attività, credo sia una buona cosa per l’utenza e sviluppare una coscienza civica, dei cittadini, nei confronti degli amici a quattro zampe.

Resta sullo sfondo il pasticcio compiuto da quest’amministrazione nel non rinnovare la convenzione con l’associazione in oggetto. 

Bando per le imprese turistiche e culturali

Nelle scorse settimane  avevo in programma questo post, ma la scadenza i primi di ottobre mi ha distolto dal farlo. Ad oggi c’è stata una progroga al 15 ottobre, quindi se qualcuno si volesse cimentare, con un pò di fatica si può fare.

Chi può partecipare? Imprese micro, piccole e medie. Consorzi, società consortili e lavoratori autonomi.

Cosa viene finanziato? Nello specifico ci sono due ambiti di intervento: uno per le imprese culturali, in particolare rivolte alla creazione di nuovi spazi culturali, gestione di sale, ampliare l’offerta culturale/turistica in generale e legarla all’identità del territorio. Il secondo si rivolge anche alle imprese turistiche (ricettività, ristorazione, mobilità turistica) per la creazione di nuovi servizi tecnologici al turista, rafforzamento degli attrattori turistici o di attività tipiche locali che potrebbero diventare attrattori.

Quanto viene finanziato?  Nell’ambito uno le agevolazioni sono dell’80% per progetti al massimo fino a 200.000 Euro. Nell’ambito due, le agevolazioni sono fino al 60% e i progetti possono essere finanziati fino ad 80.000 Euro per imprese singole, 200.000 Euro se associati.

Come accedere al finanziamento? Bisogna compilare la domanda sul portale regionale http://sid2017.sviluppocampania.it , quindi avere firma digitale e pec. Il termine per presentare le domande è il 15 ottobre, quindi affrettatevi!

Per ulteriori info è possibile trovarle sul sito istituzionale della Regione Campania, sul Burc, oppure puoi inviare una mail a danielloantonio@gmail.com

La festa più cara di sempre

Siamo di fronte alla festa di San Michele più cara di sempre (a dire la mia preferivo l’impostazione ‘laica’ lanciata da Giovanni Ruggiero e Carlo pepe, pensa te?!) Ma quanto abbiamo speso per la festa?

  • 18.000 Euro per le luminarie
  • 6000 Euro alla Pro Loco per lo spettacolo di Cicchella e della paranza Vesuvius
  • 32.000 il Concerto di Vecchioni (pagato dalla Regione per tramite del Premio Arturo Esposito)
  • 800 Euro per la banda musicale
  • Non ci sono ancora le determine ma dobbiamo sommare il costo del Piano di sicurezza, pubblicità e Siae che stimo tenendomi basso in 1500 Euro, le ore di lavoro dei dipendenti le abboniamo per questa volta. 
  • Totale 58.300 Euro

Faccio tre riflessioni:

  1. Avendo la fortuna di avere il concerto ‘pagato’ , anche se sempre di soldi pubblici stiamo parlando, non era meglio evitare tutto il resto?
  2. Ai cittadini che hanno i parchi chiusi sotto casa, le strade sporche, rotte o non si spiegano perché ad ogni richiesta gli viene risposto il classico ‘non ci sono soldi’, potete vedere da soli che i soldi ci sono, soltanto che vengono spesi per fare altro. 
  3. Mi chiedo sempre spesso: governare è organizzare le feste? Perché tanto vale la prossima volta eleggiamo un PR.

I nodi al fazzoletto

Questa settimana sono stato impegnato lontano dalla penisola, ma da lunedì ho alcuni nodi al fazzoletto di cui vi parlerò:

  • Farò richiesta di accesso agli atti per sapere quanti pareri legali sono pervenuti al Comune e il loro effettivo contenuto in merito alla vicenda di Graziano Maresca.
  • Vi ricordate la vicenda del Piano casa ai Colli, vi avevo promesso di ‘vederci chiaro’ in questo post. L’ho fatto, vi spiegherò un l’idea che ho e come si sta evolvendo la vicenda.
  • Su ‘iltalepiano’ è uscita la notizia di un permesso rilasciato all’assessore Russo, vedremo di cosa si tratta perché oggettivamente la tempistica sembra record.
  • Tornerò sulla vicenda casette dell’acqua, spero in maniera risolutiva questa volta
  • Infine lancerò due iniziative una prima e l’altra dopo San Michele, per cui ne vedrete delle belle.

Trasporto scolastico

Il Comune informa che il trasporto scolastico sarà disponibile dall’avvio dell’anno scolastico il 12 settembre, le condizioni di accesso sono le stesse degli anni precedenti. 

Qui trovate numeri utili, modulistica e costi del servizio.

La Banca della terra in Regione Campania

La Regione Campania ha emanato il regolamento attuativo della legge sulla banca della terra. 

La Regione metterà a disposizione i terreni a vocazione agricola di proprietà regionale o di altre amministrazioni locali che daranno la disponibilità per :

a) imprenditori, in forma singola o associata, che svolgono attività agricola ai sensi dell’articolo 2135 del codice civile; fonte: http://burc.regione.campania.it n. 62 del 28 Agosto 2018

b) le categorie riconosciute dall’articolo 3 della legge regionale 30 marzo 2012, n. 5 (Norme in materia di agricoltura sociale e disciplina delle fattorie e degli orti sociali e modifiche alla legge regionale 7 marzo 1996, n. 11 “Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 28 febbraio 1987, n. 13, concernente la delega in materia di economia, bonifica montana e difesa del suolo”);

c) i giovani che intendono insediarsi per la prima volta come titolari d’impresa agricola, con età inferiore ai quaranta anni alla data di presentazione della domanda di assegnazione.

I beni agricoli saranno individuati nei prossimi 60 giorni dalla Regione, inoltre potranno fare domanda anche giovani di età inferiore ai 40 anni sprovvisti della qualifica di imprenditore agricolo o bracciante che si impegna a diventarlo entro 24 mesi dall’accoglimento della domanda. 

Credo sia un segnale importante, da parte delle istituzioni, nei confronti di chi vuole mettersi in gioco in uno dei mestieri più antichi, difficili ed importanti. Per maggiori info