Bando per imprese che vogliono avviare un e commerce

Finanziamento a tasso agevolato delle spese relative a soluzioni da realizzare secondo due modalità alternative:

a) realizzare direttamente la tua piattaforma informatica finalizzata al commercio elettronico;

b) utilizzare un market place finalizzato al commercio elettronico fornito da soggetti terzi.

Il finanziamento può coprire fino al 100% delle spese preventivate, fino a un massimo del 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati.

Importo massimo finanziabile: € 450.000,00 per la realizzazione di una piattaforma propria e di 300.000,00 euro per l’utilizzo di un market place fornito da soggetti terzi

Importo minimo finanziabile: € 25.000,00 in entrambi i casi

Durata del finanziamento: 4 anni di cui 1 di pre-ammortamento, in cui si corrispondono i soli interessi e 3 anni di ammortamento per il rimborso del capitale e degli interessi; le rate sono semestrali posticipate a capitale costante.

Qual è il tasso di interesse?

L’impresa può ottenere fino al 50% del finanziamento (nel limite di 800mila euro di aiuti di stato ricevibili) a fondo perduto. Sulla quota restante è applicato un tasso di interesse fisso per tutta la durata del finanziamento e pari al 10% del tasso di riferimento di cui alla normativa comunitaria.

Sono richieste delle garanzie?

Le erogazioni del finanziamento sono subordinate alla presentazione delle garanzie deliberate dal Comitato Agevolazioni, per un minimo del 20%, tra le seguenti:

  • fideiussione bancaria, conforme allo schema pubblicato sul sito internet di SIMEST
  • fideiussione assicurativa, conforme allo schema pubblicato sul sito internet di SIMEST
  • fideiussione di Intermediari Finanziari affidati da SIMEST conforme allo schema pubblicato sul sito internet di SIMEST
  • cash collateral costituito in pegno
  • eventuali altre garanzie previa delibera del Comitato

Come partecipare?

Attraverso il sito Simest, domande a partire dal 3 giugno

Smart Export Academy: l’opportunità gratuita di formazione per imprese e professionisti interessati all’export

Il Ministero degli Esteri, ha sviluppato una partnership con diversi enti per fornire ad imprese e professionisti degli strumenti di formazione alla crescita internazionale.

Il ciclo di incontri formativi è completamente gratuito. Ci sono 6 linee di formazione articolato in cinque incontri.

Per maggiori info potete visitare il seguente sito: https://www.smartexportacademy.it/

Incentivi ad assumere apprendisti

Vi ricordo che la Regione Campania ha stanziato 4.2 milioni di euro per la stipula di contratti di apprendistato professionalizzante o incentivare, al termine del percorso di formazione, l’assunzione del destinatario del contratto di apprendistato.

Dal 17 ottobre sarà possibile presentare le domande da parte delle imprese o delle agenzie di formazione al seguente indirizzo http://www.apprendistatoregionecampania.it/ 
Oppure sul burc n°66 della Regione Campania

WiFi4Eu – opportunità per i Comuni

La commissione europea, quella composta dai cattivi burocrati di Bruxelles, ha lanciato questo programma per cablare 2500 luoghi in altrettanti comuni dell’Unione Europea. Il costo dell’infrastruttura sarà a carico dell’Unione Europea, mentre il comune richiedente si occuperà del pagamento della connessione e della manutenzione agli impianti. 

Da ottobre (credo fine mese) sarà attivo il portale dove presentare la domanda. Sarebbe opportuno che i Comuni interessati si iniziassero ad attivare. 

Piano di Sorrento sarà tra questi?

Per maggiori info https://ec.europa.eu/digital-single-market/en/wifi4eu-wi-fi-gratuito-gli-europei

Offerta di lavoro

Il Comune di Pozzuoli, nell’ambito del progetto MAC (monteruscello agro city) ha messo a bando sette incarichi per collaboratore agricolo artigianale.

Non ci sono limiti di età, ma bisogna essere in stato di disoccupazione/inoccupazione.

Il termine di presentazione delle domande è l’otto novembre.

Maggiori info su https://www.macpozzuoli.eu

Bando per le imprese turistiche e culturali

Nelle scorse settimane  avevo in programma questo post, ma la scadenza i primi di ottobre mi ha distolto dal farlo. Ad oggi c’è stata una progroga al 15 ottobre, quindi se qualcuno si volesse cimentare, con un pò di fatica si può fare.

Chi può partecipare? Imprese micro, piccole e medie. Consorzi, società consortili e lavoratori autonomi.

Cosa viene finanziato? Nello specifico ci sono due ambiti di intervento: uno per le imprese culturali, in particolare rivolte alla creazione di nuovi spazi culturali, gestione di sale, ampliare l’offerta culturale/turistica in generale e legarla all’identità del territorio. Il secondo si rivolge anche alle imprese turistiche (ricettività, ristorazione, mobilità turistica) per la creazione di nuovi servizi tecnologici al turista, rafforzamento degli attrattori turistici o di attività tipiche locali che potrebbero diventare attrattori.

Quanto viene finanziato?  Nell’ambito uno le agevolazioni sono dell’80% per progetti al massimo fino a 200.000 Euro. Nell’ambito due, le agevolazioni sono fino al 60% e i progetti possono essere finanziati fino ad 80.000 Euro per imprese singole, 200.000 Euro se associati.

Come accedere al finanziamento? Bisogna compilare la domanda sul portale regionale http://sid2017.sviluppocampania.it , quindi avere firma digitale e pec. Il termine per presentare le domande è il 15 ottobre, quindi affrettatevi!

Per ulteriori info è possibile trovarle sul sito istituzionale della Regione Campania, sul Burc, oppure puoi inviare una mail a danielloantonio@gmail.com

La macchia urbana a Piano di Sorrento

Martedì 17 alle 21.00 a Villa Fondi ospitiamo Michele Grimaldi, blogger, scrittore, dirigente politico e studioso dello sviluppo territoriale. Il libro tratta i temi dello sviluppo della città, dal punto di vista degli ‘ultimi’ e con uno sguardo attento alle periferie.
Ufficialmente questa la scheda del testo:
“Il volume è, prima di tutto, un appassionato esercizio di critica del fenomeno urbano. In queste pagine il fare teoria della città riscopre la radice originaria del theorein (etimologicamente il “vedere la città”) che però, non è un’attività ingenua o passiva, quanto una lotta per squarciare i paraventi del mainstream, per conquistare uno sguardo sapiente sulle strutture del potere e per lasciarsi incantare dalla molteplicità della vita urbana. L’autore ci offre un rischiaramento della questione, un Aufklärung post–illuministico, non solo oltre il sonno della ragione, ma per un risveglio della vita cittadina. “

Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici

Il bando del dipartimento della gioventù è finalizzato alla valorizzazioni di beni nella disponibilità di enti pubblici.

Vengono finanziati progetti dai 100.000 ai 144.000 Euro,il soggetto proponente deve cofinanziare solo il 10% del progetto.

I progetti devono essere inseriti in tale ambito:

a) la promozione di imprenditoria/occupazione sociale giovanile;
b) la gestione auto-sostenibile ai fini della valorizzazione e della piena fruizione dei beni
demaniali ovvero patrimoniali, disponibili o non disponibili, di proprietà di una pubblica
amministrazione (ad es. beni ambientali, storico-artistici, confiscati alla criminalità
organizzata, ecc)

I beneficiari sono giovani dai 14 ai 35 anni e chi realizza il progetto, se ha nei propri organismi dirigenti giovani nella stessa fascia di età, deve impiegare il 70% di under 35.

La ristrutturazione del bene non può impiegare oltre il 40% del finanziamento.

 

Credo sia un bando interessante per pubbliche amministrazioni che hanno un bene inutilizzato che vogliono mettere sul mercato delle idee e a disposizione delle giovani generazioni.

 

Il tempo per presentare proposte è pochino, il bando scade il 15 febbraio

Sei all’estero e vuoi votare?

Questa volta, anche se non si è iscritti all’Aire è possibile votare.Ricordo negli anni precedenti un sacco di amici a lavoro per periodi brevi o semplicemente in erasmus che hanno avuto grossi problemi a votare.

Bisogna trovarsi all’estero per ragioni di lavoro, studio, cure mediche per un periodo di almeno tre mesi, ovviamente a ridosso delle elezioni che si terranno il 4 marzo.

In questi casi bisogna compilare il seguente modulo (link)ed inviarlo al Comune di residenza.

 

Per quanto riguarda il Comune di Piano di Sorrento trovate qui tutte le istruzioni

http://www.comune.pianodisorrento.na.it/it/news/elezioni-politiche-4032018-esercizio-del-voto-corrispondenza-estero