Dicembre 2023 ha visto l’approvazione di importanti norme per le imprese. Si inseriscono in questo senso: il milleproroghe, la finanziaria 2024 e il disegno di legge sul Made in Italy.

Non ci sono ancora i bandi e le istruzioni operative, ma saperlo in anticipo dà alle imprese il tempo di ragionare sugli investimenti e programmare la partecipazione, senza dover rincorrere i bandi.

Tra le novità più importanti abbiamo:

Zes Sud: un credito di imposta per tutte le imprese operanti nel mezzogiorno che aprono nuove sedi e/o stabilimenti. Il credito sarà tra il 40 e il 60%. A breve si avranno  le linee guida operative

Imprese femminili: è stato stanziato un fondo apposito, che quindi stimolerà la nascita di nuove imprese femminili

Nautica: è stato approvato uno strumento ad hoc per la sostituzione di motori a combustione fossile, con quelli elettrici

Nuova sabatini: per imprese già esistenti la possibilità di ricorrere a finanziamenti garantiti dallo stato (erogati dalle banche, quindi con un tasso di interesse) a cui lo Stato aggiunge un contributo a fondo perduto per l’abbattimento dell’interesse. I contributi potranno essere richiesti per: beni strumentali, investimenti green, bani tecnologicamente avanzati.

Tessile e moda: ci saranno dei fondi nazionali destinati all’incentivo e alla tutela di questi settori

Queste sono solo alcune delle novità, inoltre a gennaio è prevista la norma che farà partire il piano transizione 5.0, con tutti i dettagli sugli investimenti ammessi.

Se sei interessato ad approfondire uno di questi temi, continua a seguire il blog, oppure seguimi su Facebook InstagramSpotifyYoutube Linkedin