E’ possibile partecipare alla Call Viviamo cultura, per la valorizzazione del patrimonio pubblico. Infatti, i beneficiari dovranno essere cooperative mentre i proprietari dei beni, sono enti pubblici.

Chi può partecipare?

Sono ammesse alla Call le cooperative:
• costituite da almeno 3 anni alla data di presentazione dell’idea progettuale;
• start-up i cui soci coinvolti nel progetto abbiano un’esperienza qualificata in processi di valorizzazione del patrimonio culturale o di altri beni pubblici a finalità culturale;
• operanti nel settore culturale;
• aderenti a AGCI, Confcooperative, Legacoop unitariamente oppure almeno ad una di esse.

Quale idea progetto proporre?

L’idea progetto deve riguardare un bene pubblico fruibile, almeno parzialmente che può diventare un hub territoriale, in grado di aggregare
e mettere a sistema diverse risorse culturali di un territorio, materiali e immateriali

Il processo si articola in due fasi, nella prima fase vanno inviate le proposte progettuali, quelle selezionate dovranno poi stipulare il partenariato con l’ente pubblico titolare del bene.

Cosa si vince?

Superata la prima fase, un servizio di assistenza e tutoraggio per la redazione del business plan e del partenariato. Chi supera questa fase, 5000 euro per l’avviamento del proprio progetto

Come partecipare?

Le proposte progettuali vanno inviate entro il 31 gennaio tramite pec, qui al sito del bando tutte le informazioni https://www.viviamocultura.com/documentazione-2a-edizione/