Nuove imprese a tasso zero

Il titolo del bando di finanziamento è un po’ ingannevole infatti possono partecipare con differenti modalità anche imprese già costituite da 24 mesi o 60 mesi con modalità diverse che ora vedremo.

Chi può partecipare?

  • Micro imprese costituite da meno di 60 mesi
  • Giovani fino ai 35 anni
  • Donne

Cosa viene finanziato?

Programmi di investimento nei settori di:

  • produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato e della trasformazione dei prodotti agricoli
  • fornitura di servizi alle imprese e/o alle persone, ivi compresi quelli afferenti all’innovazione sociale
  • commercio di beni e servizi
  • Turismo

Quanto è finanziabile?

Fino ad 1,5 milioni di euro. Il contributo è concesso nella misura di finanziamento agevolato a tasso 0. La quota di fondo perduto è del 20%

Nel dettaglio è possibile finanziare: Opere murarie e di ristrutturazione nei limiti del 30% del programma di spesa; macchinari, impianti e attrezzature; programmi informatici e servizi; acquisto di brevetti; consulenze specialistiche nel limite del 5% del programma di spesa; oneri connessi alle spese di apertura di una nuova società Inoltre è possibile adibire il 20% del programma di spesa all’acquisto di materie prime, godimento beni terzi (fitto) o servizi diversi da quelli citati fin ora.

Come si accede al finanziamento?

Uscirà un apposito bando sulla piattaforma Invitalia nelle prossime settimane

Per le imprese esistenti da più di 24 mesi lo schema da seguire è il seguente:

limitatamente alle imprese operanti nel settore del turismo,
l’acquisto dell’immobile sede dell’attivita’, nel limite massimo
del quaranta per cento dell’investimento complessivo ammissibile;
b) opere murarie e assimilate, comprese quelle riferibili ad
opere di ristrutturazione dell’unita’ produttiva oggetto di
intervento, nel limite del trenta per cento dell’investimento
complessivo ammissibile;
c) macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica, ivi
compresi quelli necessari per l’erogazione di servizi con la formula
della sharing economy purche’ strettamente necessari all’attivita’
oggetto dell’iniziativa agevolata, dimensionati alla effettiva
produzione ed identificabili singolarmente;
d) programmi informatici, brevetti, licenze e marchi e
commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *