La posizione del Partito democratico in merito alla vicenda Marina di Cassano

Pubblico la nota del segretario del PD, in merito alla recente vicenda che ha interessato il Parroco Don Pasquale, il Comune e Marina di Cassano, in estrema sintesi il prelato ha chiesto al Comune di non rinnovare la concessione del dehors di un ristorante per garantire una piazzetta pubblica antistante la chiesa presente a Marina di Cassano.

 

 

Il Partito Democratico di Piano di Sorrento ha svolto numerosi incontri pubblici a Marina di Cassano. In queste occasioni i cittadini hanno lamentato l’assoluta assenza di spazi di aggregazione pubblici per i bambini e gli anziani residenti nel borgo. Già nell’estate 2016 abbiamo proposto di realizzare un piano di sviluppo organico dell’area tenendo conto delle esigenze dei residenti e della vocazione turistica del borgo.

Fatta questa premessa, riteniamo fondata la richiesta avanzata dal Parroco Don Pasquale Irolla di destinare a uso pubblico la piazzetta di fronte alla chiesa, attualmente occupata dal dehors di un ristorante per un uso pubblico. Aggiungiamo che può tranquillamente andare oltre l’uso prettamente religioso ed essere utilizzata come spazio di aggregazione nei giorni in cui non sono previste manifestazioni religiose. Una panchina, una sana chiacchierata di fronte al mare, cose semplici che diventano speciali nel nostro Comune.

 

Per questo avanziamo una proposta che renda compatibili le giuste rivendicazioni sociali avanzate dai residenti per tramite del Parroco e quelle dell’impresa di ristorazione. Immaginiamo la possibilità di smontare l’attuale struttura, che si caratterizza anche per l’insolita bruttezza, ed installare in metà piazza degli ombrelloni con sedie, in modo che metà piazza sia di pubblica fruizione e l’altra metà ad uso del ristorante, con l’impegno a rimuovere sedie ed ombrelloni nei giorni in cui sono previste manifestazioni di rilievo nella Chiesetta. Si tratterebbe di dieci giorni all’anno, un bel gesto anche da parte dell’imprenditore interessato.

Sembra una soluzione di buon senso, esempio di ciò che vuole essere il nostro contributo : uno strumento di risoluzione di un’antica contrapposizione tra le imprese e i residenti. L’interesse economico di un privato e quello sociale di una comunità possono non essere inconciliabili perché in una visione ampia l’uno spesso rafforza l’altro. Nel caso specifico la proposta del PD è ispirata alla coesistenza degli apparentemente contrapposti interessi.
Solo con la coesione Marina di Cassano potrà decollare dal punto di vista economico e sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *